Mafia Venezia. Giovanni Giusto: ‘rimpiango l’abusivo del Tronchetto: era nostrano’.

Giusto nel corso della trasmissione 'Focus' su Reteveneta.

‘…Tu prova ad andare al Tronchetto oggi a Venezia…
A differenza di qualche anno fa, magari avessimo….
C’era addirittura un club allo stadio: ‘Tronchetto abusivo al 100%’.
I famosi abusivi dalle collane d’oro col cappello da comandante….
NON ESISTONO PIÙ!

Adesso ti gà bangla, africani, marocchini… ti gà tutta quella gentaglia: gente che arriva a dirti ‘se non la smetti ti apro la pancia’… Io rimpiango il vecchio: sicuramente l’abusivo del Tronchetto io lo rimpiango, perché almeno era qualcosa di nostrano. Qualcosa che veniva partorito dalla nostra comunità: oggi invece abbiamo ereditato da comunità che noi non conosciamo… e sono così forti che sono riusciti a sostituire la nostra delinquenza… capisci?…’

Se fosse il testo di una intercettazione telefonica relativa a qualche inchiesta sulla mafia, sicuramente non si potrebbe eccepire reato alcuno, ma altrettanto certamente, nel leggere queste parole, qualche brividino a qualcuno di minimamente coscienzioso, verrebbe.

Queste parole sono andate in onda ieri sera, in forma non scritta, nel corso della trasmissione televisiva ‘Focus’, su Reteveneta. Queste parole sono sbocciate dalla bocca di Giovanni Giusto, delegato del sindaco di Venezia con delega alla Tutela delle Tradizioni. Senza dubbio, come tutore delle tradizioni, Giusto ha dimostrato una difesa a tutto campo e non ha lesinato sforzi per difendere persino la mafia lagunare.

Ho sbobinato questa intercettazione televisiva, rintracciabile tra i minuti 37 e 39 di questo video (clicca qui): due-tre minutini nei quali Giusto, di fronte ad un esterrefatto Nicola Pellicani, ha toccato la vetta di un ragionamento che aveva per tema la questione migratoria. La scalata dei minuti precedenti è stata costellata del solito arsenale di sparate ad altezza d’uomo: gli emigranti col telefonino, gli emigranti che spendono 3.000 euro per farsi il viaggio, gli emigranti che rifiutano il cibo…

Poi Giusto sfodera l’inedito che non ti aspetti nemmeno da un leghista doc: pur di dare addosso all’immigrato delinquente (anche se non è delinquente, l’immigrato è sempre più delinquente del mafioso del Tronchetto) difendo quello nostrano.

Il tutto con qualche inesattezza.
In primo luogo non è vero che gli abusivi nostrani, dalle catene d’oro e dai cappelli da comandante, non esistono più: anche senza andare al Tronchetto, basta buttare l’occhio alla rotonda nei pressi di San Giuliano per accorgersi che questa tipologia di fuorilegge indigeni è ancora viva e vegeta. Se proprio vogliamo toglierci lo sfizio, basta andare al Tronchetto e girare lungo il perimetro del mega-garage per vedere altri indigeni che non avrebbero sfigurato ai funerali di Vittorio Casamonica.

Punto due: in un frangente del predicozzo agiografico sul buon abusivo tronchettaro, Pellicani ha avuto il guizzo di obiettare a Giusto: ‘allora tu rimpiangi la mafia del Tronchetto?’.
La risposta è stata: ‘Io rimpiango il vecchio, sicuramente l’abusivo del Tronchetto io lo rimpiango’. Giusto insomma non ha avuto coraggio di dire che rimpiange la mafia nostrana. Peccato che l’abusivismo sia mafia, peccato che il Tronchetto sia da decenni la capitale della mafia in laguna, epicentro di un sistema di sfruttamento delinquenziale dei flussi turistici capace di produrre un’economia sommersa gigantesca.

E’ mafia. E questa mafia, che è a trazione integrale indigena, Giovanni Giusto ha scelto di difenderla pur di affondare, nell’iconografia più losca possibile, ogni traccia di migrante.
E’ vero che nessuno, da decenni, riesce ad estirpare dal Tronchetto e da Venezia, questo sistema mafioso. Ma che da una figura istituzionale giunga addirittura una difesa buonista, un affresco compiacente di questo sistema mafioso, è qualcosa che va oltre ogni infamia.

Le parole di Giovanni Giusto ci consegnano un’intercettazione ambientale di complicità, sicuramente culturale, con questo sistema delinquenziale. Una cosa assolutamente incompatibile con la credibilità dell’amministrazione comunale e con il dovere politico-civico di combattere, contrastare, arginare, uno dei peggiori mali di questa città.

  9 comments for “Mafia Venezia. Giovanni Giusto: ‘rimpiango l’abusivo del Tronchetto: era nostrano’.

  1. Marco
    28 agosto 2015 alle 0:30

    Mio Dio, che articolo ridicolo.
    Bisognerebbe conoscere meglio Giusto prima di parlare, ma forse basterebbe ascoltarle bene le sue parole e, magari, bisognerebbe anche essere in buona fede per interpretarle come vanno interpretate.
    Giá, era un discorso da interpretare, ma se la volontá manca, é impossibile attenderselo.
    Pazienza, lo teniamo tra gli articoli peggio riusciti che abbia letto in un blog.

    Mi piace

  2. Mattia
    28 agosto 2015 alle 14:02

    Che articolo assurdo e ipocrita… Tipico di persone di sinistra che non vedono quello che dice realmente ma siamo sempre alla solita storia dei poveri emigrati senza soldi e senza futuro che dobbiamo aiutare fate schifo continuate a nascondere la testa sotto la sabbia e tenere fuori il culo bravi

    Mi piace

    • 28 agosto 2015 alle 14:37

      C’è una registrazione video. Cosa ha detto, Giusto, di diverso da quanto riportato?

      Mi piace

      • Marco
        28 agosto 2015 alle 19:28

        niente di diverso, è solo che ciò che ha detto va interpretato e il personaggio è molto chiaro, quanto onesto, quando parla di certi argomenti.
        qui invece si fa passare Giusto per uno cui la mafia piace.
        è la differenza che passa tra saper leggere e saper capire.
        ma è chiaro che tutto l’articolo va letto come lancio di fango sul personaggio di destra ed anche leghista, quindi hai capito, ma torna utile sparare sulla persona.
        non è difficile indignarsi per quel che hai scritto.

        Mi piace

      • 28 agosto 2015 alle 21:53

        Cosa c’è da interpretare quando una persona dice che rimpiange gli abusivi del Tronchetto? Gli abusivi esistono e pullulano ancora e Giusto appoggia totalmente il loro operato. Cosa c’è da interpretare? Giusto depone a favore di un sistema mafioso. Non c’è scritto da nessuna parte che Giusto sia mafioso. C’è, semmai nelle sue parole una complicità culturale con questo sistema. Non c’è tracci alcuna di impegno civile e politico doveroso per combattere questo sistema mafioso.

        Mi piace

  3. 28 agosto 2015 alle 16:44

    Alle porte della nostra città una vergogna da estirpare , che gli organi istituzionali colpevolmente ignorano…………e mi pare di aver detto abbastanza !!!

    Liked by 1 persona

    • 28 agosto 2015 alle 18:47

      Sì Bruno, e non credo che questi ragionamenti di Giusto aiutino nel senso da te indicato.

      Mi piace

  4. nostalgica
    17 agosto 2017 alle 12:31

    ho scoperto da poco questo giornale.
    Concordo con Giusto, gli intromettitori di un tempo avevano la licenza rilasciata dal Comune di Venezia, ora non so come funzioni. Guardiamo in faccia la realtà, da quando è mondo è stata sempre la mafia locale a difendere i territori e non solo a Venezia o in Italia, in tutto il mondo. Tolto Maniero dalla circolazione nostrana va molto molto peggio. Le istituzioni senza la collaborazione dei pentiti o non pentiti ma collaboratori, non va da nessuna parte. Triste realtà.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: