MasterChef. Zaia mette in vetrina l’identità veneta delle macchiette.

MasterchefQuanta identità veneta viene incarnata da due ventenni, il macellaio vicentino Lorenzo e il cameriere padovano Mattia, che partecipano ad un talent televisivo di enorme successo come MasterChef?

Fenomeni nel fenomeno: accade infatti che nella puntata andata in onda lo scorso 28 gennaio i due concorrenti veneti abbiano dato vita assieme a Joe Bastianich ad un siparietto oggettivamente esilarante nel quale i tre dissertavano sull’ipotesi-sogno di aprire un ristorante in Piazza San Marco chiamandolo ‘Do ciacoe’. Uno spezzone di tre minuti, condito di dialetto, ingenuità, semplicità e comicità involontaria in grado di mettere in discussione la coppia Totò-Peppino.

Fenomeno sui fenomeni del fenomeno: a nessun politico di punta del Veneto (o al suo social media manager) è saltato in mente di postare quella scenetta. A tutti tranne che a uno: Luca Zaia. E il risultato su Facebook è stato fenomenale: oltre 21.600 Mi Piace, oltre 18.500 condivisioni, oltre 1.600 commenti, contribuendo a portare quel video ad oltre 1 milione di visualizzazioni. Per mettere assieme questi numeri, anche il presidente della Regione ci impiega almeno un paio di settimane di post su ospedali, inaugurazioni e improperi al Governo Renzi.

Ma, al di là delle cifre, il risultato colpisce anche dal punto di vista dei contenuti. I commenti al video postato da Zaia (clicca qui) contengono per la maggior parte parole come ‘orgoglio veneto’ e inni del tipo ‘W il Veneto’, ‘Forsa tosi!’ (Non nel senso di Flavio, il leghista reietto), ‘Semo tutti co vojaltri!!!’. A tal punto che lo stesso Zaia ci mette il suo carico di carica scrivendo tra i commenti ‘Crederci sempre, sono orgoglioso di voi’.

Un giudizio pressochè unanime, per nulla scalfito dalle osservazioni di alcuni commentatori che obiettavano sul fatto che due ragazzi sempliciotti dallo spiccato accento veneto non potevano rappresentare l’identità di una regione. Robe da radical chic, insomma, seppellite magistralmente da tale Antonia che scrive: ‘sono due fenomeni: Gianni e Pinotto fanno loro un baffo…e poi grande Zaia che li commenta. Grande il nostro presidente’. Ciapa e porta a casa.

Ovviamente, a nessun politico un po’ in vista di centrosinistra è saltato in mente di pubblicare sui social le gesta di Lorenzo e Mattia. Se non altro perché avrebbe dovuto fare un carpiato triplo con salto mortale per confezionare un post nel quale complimentarsi con i due senza passare per le forche caudine dei veneti antileghisti.

Ma si può rimproverare qualcosa a Zaia e ad una operazione di comunicazione politica che utilizzando Lorenzo e Mattia ha dato l’ennesimo spolvero all’orgoglio veneto di stampo leghista?
Da un lato la risposta è no: l’occasione era ghiottissima e andava benissimo per un bacino di veneti che rivendicano orgogliosi il loro dialetto e la loro cultura popolare. Se in più ci sono due veneti saliti agli onori degli schermi televisivi (anche se proprio uno dei due dovrà uscire dalla gara nella puntata di giovedì prossimo), ogni dubbio viene spazzato via.

C’è però una trappola, non irrilevante, in cui Zaia è caduto, contraddicendo se stesso. Per anni Luca Zaia ha marcato rabbiosamente il terreno dell’immagine dei veneti. Lo ha fatto in ogni occasione, combattendo ferocemente contro ogni forma (dalle serie tv ai film ai programmi di satira o agli approfondimenti giornalistici) che mettesse in vetrina una caricatura dei veneti.

Questa volta Zaia ha tradito se stesso. Ha messo in vetrina due Totò e Peppino, due Gianni e Pinotto, come ha osservato la signora Antonia. Lo ha fatto alimentando, in nome dell’orgoglio e dell’identità veneta, la figura del veneto sempliciotto, che non è in grado di scandire una frase senza metterci parole in dialetto. Ha messo in vetrina quelle eterne macchiette, vendendole in cambio della sua popolarità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: