Federica Guidi. E pensare che doveva salvare Porto Marghera…

CONFERENZA STAMPA GUIDI PADOAN

Al netto del tripudio di Matteo Renzi per il record mondiale di dimissioni-lampo conquistato dalla sua oramai ex ministra, il voltastomaco resta. Basta solo pensare a Porto Marghera e al fatto che proprio a Federica Guidi, intercettata a flirtare col moroso per salvaguardare gli affari di cuore, da mesi e mesi lavoratori, sindacati, politici del territorio e intere città si stavano rivolgendo in ginocchio, chiedendole di salvaguardare il settore della chimica e qualcosa come 6.000 posti di lavoro sparsi per l’Italia.

Da mesi, incessantemente, da Porto Marghera a Brindisi, da Gela a Priolo, Mantova, Ferrara, Ravenna, Ragusa e Porto Torres, giungevano a lei e al governo Renzi appelli, mozioni da parte di istituzioni locali e parlamento, echi di scioperi e mobilitazioni, per chiedere di usare il pugno fermo nei confronti di Eni. Per chiedere di esigere chiarezza e di non consentire che la vendita di Versalis, ultimo grande gruppo italiano della chimica, potesse tradursi in una mega dismissione devastante dal punto di vista occupazionale e sociale. Per chiedere, come nel caso di Porto Marghera, che Eni rispettasse gli accordi sugli investimenti per il rilancio produttivo.

Al netto di promesse generiche, risultati zero. Però, quando si tratta di emendamenti-lampo capaci di illuminare il cuore della notte, i posti di lavoro diventano d’oro: “Quello di Tempa Rossa (giacimento Total in Basilicata) è un provvedimento giusto, vorrei che fosse chiaro agli italiani, perché porta posti di lavoro. Una cosa sacrosanta da fare”, dice ora Renzi pensando di togliersi dall’impaccio di questa nuova bufera di stampo familistico.

Ora più che mai è evidente che le famiglie di quei 6.000 lavoratori rappresentavano per Guidi e per il governo un’interesse pari allo zero.

  1 comment for “Federica Guidi. E pensare che doveva salvare Porto Marghera…

  1. 4 aprile 2016 alle 13:35

    L’ha ribloggato su transiberiani.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: