Gli scontri di Firenze, la Leopolda e una nuova Costituzione figlia della guerriglia.

La tentazione, per i facinorosi del SI’ al referendum costituzionale, era troppo ghiotta. E malgrado lo stesso Renzi cerchi di tenerla abbastanza bassa, già dalle prime ore successive agli scontri di Firenze (protagonista il drappello di manifestanti che volevano recarsi alla Leopolda per contestare il Premier su crac bancari, Tav, varie ed eventuali) gli ultrà hanno iniziato a scatenarsi con un nuovo accostamento grazie al quale poter bollare gli elettori del NO.

Dopo aver sfruttato fino all’osso Casa Pound come simbolo dei contrari alla riforma, adesso è la volta del fritto misto anarco insurrezionalista-centrosocialista-blackblochista mazzolatore e lanciatore di sampietrino che ama il corpo a corpo con le forze dell’ordine.

Questa immagine, postata e condivisa, è un mirabile esempio di un messaggio senza equivoci.

facinorosi-del-referendumVoti NO? Allora sei come Quelli del NO: violento e sovversivo. Chi invece vota SI’ è come Quelli del SI’. Quelli della Leopolda: intavolati e non incavolati, costruttivi e non distruttivi, propositivi e non protestanti.

Assomiglia al collage indegno che qualche settimana fa venne sfornato dalla ministra della salute Lorenzin per propagandare il fertility day.

Io che voterò NO accetto tutto: mi prendo del forzanovista, dell’inquilino di Casa Pound, del delinquente che sfascia le città e manda all’ospedale i celerini, del lanciatore di pietre e pure dell’antagonista con sfumature anarcoidi.

E non voglio neppure rispondere con le idiozie della Leopolda come luogo di ritrovo massonico e di JP Morgan e degli sporchi finanzieri che governano il mondo e che vogliono imporre la riforma costituzionale italiana.

Una cosa però, personalmente, non posso tacerla.

L’aver voluto testardamente una rinascita della nostra Costituzione fino ad innestarla sul terreno facinoroso della guerriglia è una sconfitta storica, al di là del risultato finale del 4 dicembre. Se una nuova costituzione prenderà vita, questa non sarà il risultato di una condivisione nazionale bensì di uno scontro che in queste ore trova, da una parte e dall’altra, la sua dimostrazione fisica, visiva, ideologica.

Dimostrazione di una incoscienza diffusa, ricolma di insulti e di divisioni spesso dai contenuti beceri. A gettare ulteriore benzina sul fuoco le parole di Renzi contro la minoranza PD, nel corso del suo discorso finale alla Leopolda: parole accolte da un coro di ‘fuori fuori’ elevato come auspicio di epurazione.
E’ con questa natura bellica (non di riconciliazione e pacificazione post-bellica) che la nuova Costituzione potrebbe concretamente prendere vita.
Una radice cattiva per la nostra democrazia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: