Categoria: Varia umanità

Oltre Macerata. Marco Borghi (Iveser): “La politica non può arretrare. Vanno ricostruiti gli anticorpi al fascismo”.

“Viviamo un tempo in cui la Costituzione non è più sentita come elemento di convivenza civile, attorno al quale il cosiddetto arco costituzionale si riuniva compatto per rispondere alle azioni di chi faceva richiamo al fascismo. Oggi la Costituzione non rappresenta più una bussola politica per le forze politiche ma è stata ridotta, in modo…

“Precari a casa nostra”, Brugnaro e Zaia dimenticano i diritti del lavoro.

«Le consiglio di provare direttamente qui gli auricolari perché se ripassa dopo capodanno non troverà più il negozio: mi hanno appena telefonato per dirmi che qui si chiude tutto e che sono licenziato. Sono abbastanza sconvolto». Mingherlino, viso e montatura degli occhiali che ricordano il bomber del Napoli, Lorenzo Insigne, ricevo dal giovane commesso di…

Migranti, calano gli sbarchi. E’ davvero salva la nostra tenuta democratica?

“Davanti all’ondata dei migranti ho temuto per la tenuta democratica”. Sono parole forti quelle pronunciate ieri alla Festa de L’Unità di Pesaro dal ministro dell’Interno Marco Minniti, che ha rivendicato così la necessità e il merito di aver messo un freno agli sbarchi. Rispetto al 2016, negli ultimi due mesi la diminuzione è verticale: a…

La spiaggia fascista. Radio Padova offre il megafono a Gianni Scarpa: vince l’onda popolar-autoritaria.

Giusto un mese fa era salito agli onori delle cronache e delle polemiche per la sua spiaggia fascista, la Playa Punta Canna di Sottomarina, allestita come una piccola oasi mussoliniana nella quale poter respirare l’ordine e la pulizia di regime oltre che ascoltare i comizi del gestore via altoparlante. Un repertorio innocuo, composto di prediche…

2 agosto: la staffetta Milano-Brescia-Bologna. Lanzani:“Coltiviamo la coscienza civile nata dalle stragi”.

“Quando abbiamo iniziato eravamo in 9. Siamo partiti con due macchine di appoggio alle quali avevamo appiccicato due cartelli gialli per far capire chi eravamo e cosa volevamo comunicare con quella nostra corsa. Era il 1984: nessuno di noi era stato toccato direttamente dalle stragi. Eravamo solo un gruppo di podisti milanesi, normali cittadini col…